PSICOLOGIA CANINA APPLICATA

 

599744_304910792982337_1364813191_n

Cenni sulle origini

La Psicologia Canina applicata nasce orientativamente nel 1974 quando si intuì che molti elementi della Psicologia Umana erano applicabili per l’addestramento dei cani. Dagli anni novanta, questo termine e questa scienza sono diventati di uso comune negli ambiti cinofili.

I padri della Psicologia Canina applicata sono l’americano William Campbell e il veterinario austriaco Ferdinand Brunner.

In Italia il primo ad interessarsi della Psicologia Canina ed a studiarla ed applicarla nell’addestramento cinofilo è stato il nostro Maestro di Cinofilia ed amico Vittorino Meneghetti. Prima dell’avvento di questi maestri, per cercare di capire il comportamento dei cani, l’unica scienza a cui ci si affidava era l’etologia

ETOLOGIA
Scienza che si occupa degli animali che vivono in libertà e che da soli provvedono a tutti i loro fabbisogni per la loro sopravvivenza e per la continuazione della specie. L’etologia spiega il “perchè” di un comportamento animale in un contesto naturale. Ad esempio l’etologia ci spiega i sottili meccanismi di gerarchia presenti in un branco di lupi.

In Italia l’etologo più conosciuto è sicuramente il nostro grande amico il Professor Danilo Mainardi docente di Ecologia Comportamentale all’Università Ca’ Foscari di Venezia, direttore della Scuola Internazionale di etologia di Erice, noto alla grande platea televisiva per la partecipazione, in qualità di etologo, alla trasmissione IL MONDO DI QUARK e SUPERQUARK

PSICOLOGIA CANINA
Si può definire come la scienza che studia i cani socializzati nell’ambiente umano. La Psicologia Canina ci spiega come modificare certi atteggiamenti e comportamenti di un cane. Questa scienza ci permette di capire perchè certi cani hanno determinati comportamenti in determinate circostanze o rivolti verso/contro certe persone. Alcuni di questi atteggiamenti nel cane non sono “naturali” ma appositamente selezionati e modificati dall’uomo stesso.

 

 1077160_10203825610469275_8365683450793851613_o

Noi lavoriamo così

Il metodo addestrativo che usiamo alla nostra Scuola si può tranquillamente definire come metodo NATURALE e assolutamente privo di qualsiasi forma di coercizione e infatti è basato sulla Psicologia Canina Applicata ed utilizzati i meccanismi di apprendimento naturali.

Per l’applicazione del nostro protocollo addestrativo è quindi indispensabile conoscere l’etologia (studio dell’animale allo stato selvatico-naturale) e la psicologia canina(comportamento del cane socializzato dall’uomo e inserito nel suo ambiente).

Prima di iniziare qualsiasi tipo di corso, è indispensabile avere un corretto profilo caratteriale del soggetto che dovremo istruire. Quindi da noi, dopo aver “visionato” e “testato” il cane e colloquiato con i proprietari, verrà fissato un programma personalizzato ed adeguato alle esigenze del proprietario ma prima di tutto adeguato alle esigenze del cane.

Noi, quindi, applicando il nostro sopra citato “protocollo addestrativo”, proponiamo:

  • » Lezioni individuali
  • » Lezioni Collettive
  • » Lezioni a domicilio
  • » Consulenza per la scelta del giusto cucciolo in base alle esigenze del futuro proprietario (con l’attuazione di test psicometrici precoci per l’individuazione del giusto soggetto per una vita sociale tranquilla e serena con il nostro amico a quattro zampe)
  • » Consulenze per la correzione di problematiche comportamentali (attraverso le stimolazione e l’attivazione mentale)
  • » Indocilità (cane che non ci ascolta, disubbidiente…)
  • » Mancanza di socializzazione (con la possibilità di eseguire sedute individuali e collettive di socializzazione cospecifica e interspecifica)
  • » Timidezza
  • » Paure
  • » Ansie e Fobie
  • » Problemi di Igiene